LEADERBOARD
Focus | I Consigli della Dott.ssa Verze | | 12 Febbraio 2018
Difficoltà nel ricordare?
Difficoltà nel ricordare?

Lo studio, il lavoro e uno stile di vita sempre più intenso richiedono una concentrazione continua e per questo è fondamentale mantenere efficiente la nostra mente. A volte uno sforzo eccessivo o prolungato tanto nello studio quanto nel lavoro, può provocare una condizione di stress mentale; i sintomi più comuni dello stress possono essere una frequente sensazione di stanchezza generale, la difficoltà di concentrazione e, quindi, una riduzione del rendimento.

Come ricordare tutti gli appuntamenti di una giornata? Come memorizzare tutto ciò che si studia? Come migliorare l’apprendimento? Come aumentare la concentrazione?

In periodo di esami, in cui è richiesto un maggiore impegno nello studio e nella memoria o in periodi di particolare stress al lavoro, può essere utile assumere un integratore che aiuti a migliorare le funzioni cognitive, mantenere alti i livelli di concentrazione e ragionare con la giusta lucidità.

In primo luogo evitare fumo e alcolici e tutte le causa di un eccesso di radicali liberi a livello del Sistema Nervoso Centrale (SNC), un'alimentazione sana (pesce,noci,frutta,verdura) e una buona igiene del sonno.

Quando questo non è sufficiente, e non basta comprare una nuova agenda o organizzare meglio il proprio metodo di studio, allora può essere utile rivolgersi al proprio farmacista, per trovare insieme l'integratore che risponde meglio alle nostre esigenze.

 

  • Le Vitamine B consentono al nostro organismo di metabolizzare correttamente il cibo e di trasformarlo in “carburante” di pronto utilizzo favorendo molte funzioni fisiologiche. Non forniscono calorie e “non fanno ingrassare”! La Vitamina B5 (Acido pantotenico), in particolare, contribuisce al mantenimento delle prestazioni mentali e alla riduzione di stanchezza e affaticamento;
  • La Glutammina è un aminoacido classificato come semi-essenziale, cioè l'organismo è normalmente in grado di sintetizzarlo; tuttavia, esistono numerose situazioni (ad esempio condizioni di stress) in cui l'organismo non riesce a far fronte a un aumentato fabbisogno. La Glutammina è in grado di penetrare nel cervello, attraversando la barriera emato-encefalica, dove è convertita in glutammato, principale neurotrasmettitore eccitatorio del SNC, coinvolto nelle funzioni cognitive quali l'apprendimento e la memoria;
  • La Fosfoserina, formata da serina (un aminoacido) combinato con il fosforo, è il precursore di una sostanza chiamata fosfatidilserina, importante costituente delle membrane cellulari delle cellule nervose. La Fosfoserina partecipa alla sintesi dell'acetilcolina, un neurotrasmettitore che è presente ai processi di apprendimento e di memorizzazione;
  • Asparagina, anch'essa coinvolta nella sintesi dei neurotrasmettitori;
  • Magnesio, un minerale essenziale dell'organismo, contribuisce al normale funzionamento del sistema nervoso e al mantenimento delle funzioni psicologiche, oltre a contribuire a ridurre stanchezza e affaticamento;
  • Acetil-L-carnitina ha un'azione di scaveangers nei confronti dei radicali liberi, anch'essa contribuisce alla sintesi dell'acetilcolina;
  • Eleuterococco, Ginseng e caffeina aumentano invece la concentrazione e tengono lontano la stanchezza.

E' utile ricordare che questi integratori vanno preferibilmente assunti durante la prima parte della giornata; è opportuno fare attenzione alle interazioni con altri farmaci e chiedere sempre consiglio al medico o al farmacista.

Tags
 
Lascia un commento

Nome

Email

Commento

2 + 2