LEADERBOARD
Global | | 20 Marzo 2017
Don Ciotti- Libera contro le mafie
"Costruire memoria non retorica"
Don Ciotti- Libera contro le mafie "Costruire memoria non retorica"
"Quelle persone non sono morte per una targa o per una corona di fiori. Bisogna costruire una memoria che non sia solo esercizio retorico". Sono queste le parole dure e forti rilasciate a La Stampa da don Luigi Ciotti, fondatore di Libera, che ieri ha incontrato col il presidente della Repubblica Mattarella i familiari delle vittime della mafia. "Quelle morti non sono un fatto privato ma una questione pubblica perchè le mafie sono una questione pubblica, sociale e politica. Si contrastano - afferma - con il lavoro, la scuola e i servizi sociali. La memoria trasformata in impegno si traduce in responsabilità verso il bene comune che chiama in causa associazioni e istituzioni, laici e credenti. Per me è stata una gioia l'appoggio di tanto mondo di Chiesa, a cominciare dal messaggio di papa Francesco e dall'adesione della Cei e della Conferenza Episcopale Calabra". 
Tags
 
Lascia un commento

Nome

Email

Commento

2 + 2