LEADERBOARD
focus | I Consigli della Dott.ssa Verze | 03 Dicembre 2018
La tradizione non mente
La tradizione non mente

Raffreddore? Mal di gola? Tosse? Avete mai usato gli unguenti balsamici? Fin dai tempi antichi, già gli Egizi, utilizzavano mentolo, eucaliptolo e canfora come rimedi per differenti disturbi. In effetti, non avevano tutti i torti, nel trattamento delle infezioni delle alte vie aeree, che hanno causa virale, gli unguenti grazie all'inalazione dei vapori balsamici, hanno una comprovata efficacia su congestione nasale, mal di gola e tosse. Innanzitutto sono un medicinale a tutti gli effetti, nei bambini possono essere usati a partire dai 30 mesi e le inalazioni sono controindicate nei bambini sotto i 6 anni. Devono essere utilizzati con cautela e solo dopo aver sentito il parere del medico nei soggetti con: Ipersensibilità a profumi o solventi; Convulsioni o epilessia; Asma; Gravidanza e allattamento. Come si applicano?  L'applicazione o è esterna: quindi si friziona prima il petto, la gola o il torace con la mano per 3/5 minuti e poi si applica l'unguento sul petto. Questa operazione si può eseguire massimo due volte al giorno, in modo particolare prima di andare a letto, cosicché da respirare meglio e favorire il riposo. Un altro modo di utilizzo, sono le inalazioni. Ripeto: sconsigliate ai bambini sotto i sei anni di età; sciogliere due cucchiaini di unguento balsamico in mezzo litro di acqua calda e aspirare i vapori che si liberano per 10 minuti. I rimedi di una volta, sono sempre efficaci, ma non chiedere solo alla nonna, recati dal tuo medico o in farmacia per scoprire se è la terapia giusta per te e per i tuoi bambini!

 

Tags
 
Lascia un commento

Nome

Email

Commento

2 + 2