LEADERBOARD
Global | | 13 Aprile 2018
Pena di morte, rapporto Amnesty:
in Cina centinaia di esecuzioni nascoste
Pena di morte, rapporto Amnesty: in Cina centinaia di esecuzioni nascoste

La Cina è rimasta nel 2017 lo Stato dove si eseguono la maggior parte delle condanne a morte. A segnalarlo è Amnesty International nel suo rapporto annuale sulla pena di morte nel mondo, sottolineando che la reale dimensione dell'uso della pena capitale nel Paese asiatico è sconosciuta, poiché i dati relativi sono considerati segreto di Stato. Pertanto, il totale di 993 esecuzioni registrate nel mondo dall'organizzazione nel 2017 e riportate nel rapporto annuale sulla pena di morte "non comprende le migliaia che si ritiene abbiano avuto luogo in Cina".

Amnesty "ha monitorato l'uso della pena di morte nel corso dell'anno, così come le sentenze giudiziarie inserite nel database nazionale pubblico, il China Judgements Online della Corte suprema del popolo", si legge nel rapporto. "Ancora una volta, Amnesty International ritiene che la Cina sia il paese che esegue la maggior parte delle sentenze capitali nel mondo, mettendo a morte più persone rispetto al resto degli stati mantenitori messi insieme". L'organizzazione "ha rinnovato la sfida alle autorità cinesi di essere trasparenti e rendere tali informazioni disponibili al pubblico".

TUTTI I DATI - Nel 2017, rispetto ai record negativi degli ultimi anni, le esecuzioni e le condanne a morte registrate a livello globale risultano in calo. A fare grandi passi avanti - secondo quanto riferito da Amnesty - è stata l'Africa subsahariana, "faro di speranza" dove si è registrato un significativo decremento delle condanne a morte e dove ora sono venti gli Stati abolizionisti. Di fronte ad almeno 21.919 prigionieri in attesa di esecuzione nel mondo, Amnesty International segnala tuttavia nel suo rapporto che, nonostante il calo di condanne ed esecuzioni registrato lo scorso anno, "non è il momento di abbassare la guardia", in quanto in ogni caso, nel 2017, "non sono mancate tendenze preoccupanti" circa il suo uso nel mondo. Amnesty International ha registrato nel 2017 almeno 993 esecuzioni in 23 paesi, il quattro per cento in meno rispetto alle 1032 esecuzioni del 2016 e il 39 per cento in meno rispetto alle 1634 esecuzioni del 2015, il più alto numero dal 1989. La maggior parte delle esecuzioni ha avuto luogo, nell'ordine, in Cina - i cui dati sulle esecuzioni capitali sono tuttavia segreti e l'organizzazione denuncia che sarebbero "migliaia" - , Iran, Arabia Saudita, Iraq e Pakistan.

Questi ultimi 4 Paesi sono responsabili dell'84% di tutte le esecuzioni registrate. Le condanne a morte registrate durante l'anno sono state almeno 2591 in 53 stati, un significativo decremento del 17% rispetto al numero record di 3117 condanne inflitte nel 2016. Amnesty sottolinea che nel mondo, 142 Paesi hanno abolito la pena di morte per legge o nella pratica. Le esecuzioni sono notevolmente diminuite in Bielorussia (del 50 per cento, da almeno quattro ad almeno due), Egitto (20 per cento in meno), Iran (11 per cento), Pakistan (31 per cento) e Arabia Saudita (cinque per cento) mentre sono raddoppiate o quasi raddoppiate in Palestina (da tre a sei nella Striscia di Gaza), Singapore (da quattro a otto) e Somalia (da 14 a 24, la metà delle quali nel Puntland). Nella regione subsahariana, la Guinea è diventata il ventesimo stato abolizionista per tutti i reati, il Kenya ha cancellato l'obbligo di imporre la pena di morte per omicidio e Burkina Faso e Ciad si stanno avviando a introdurre nuove leggi o a modificare quelle in vigore per abrogare la pena capitale. Nel 2016, Amnesty International aveva registrato esecuzioni in cinque stati della regione, mentre nel 2017 solo in due, Sud Sudan e Somalia. La ripresa delle esecuzioni in Botswana e Sudan, nel 2018, secondo Amnesty, non deve oscurare i positivi passi avanti intrapresi da altri stati. "I progressi dell'Africa subsahariana rafforzano la posizione della regione come faro di speranza e fanno auspicare che l'abolizione di questa estrema sanzione, crudele, inumana e degradante sia in vista", ha dichiarato Salil Shetty, segretario generale di Amnesty International. 

Tags
#Amnesty  #cina   
Lascia un commento

Nome

Email

Commento

2 + 2